Le bocce nella storia Le regole Bocce in bronzo

LA STORIA

Un gioco moderno dal cuore antico.

Le bocce sono uno sport moderno dal cuore antico. Infatti le prime tracce di questo gioco si incontrano addirittura nel 9000 a.C., a Catal Huyuk in Turchia.

Il gioco delle bocce era conosciuto anche presso gli egiziani come testimoniano alcune rappresentazioni grafiche datate 5200 a.C. raffiguranti uomini intenti a praticarlo con oggetti di forma sferica o con pietre levigate.



Arte romana: giocatori di bocce



Bocce in legno: pioppo e ulivo

Sebbene oggi lo sport delle bocce sia completamente cambiato rispetto a quello praticato da quegli antichi predecessori, il filo conduttore del gioco è l’immutato comune obbiettivo di tirare un oggetto il più vicino possibile ad un punto fisso.

Da questo antico obbiettivo nasce la regola base del gioco delle bocce.

Dall’Egitto il gioco approda in Grecia intorno all’800 a.C., dove Ippocrate lo elogiava e lo consigliava per mantenersi in perfetta salute.

Erano entusiasti di questo sport anche gli antichi romani che lo appresero dai Greci e lo diffusero in tutto l’impero. L’influenza romana sulle bocce e testimoniata dal nome stesso del gioco; “boccia” infatti deriva dal latino volgare “bottia”, che significava “palla”.

Gli antichi romani sono tra i primi a praticare il gioco in modo abbastanza simile a quello odierno. Inizialmente usavano noci di cocco importate dall’Africa per giungere successivamente all’utilizzo di bocce costruite col duro legno d’ulivo.

Iniziando dall’imperatore Augusto, le bocce diventano lo sport di uomini di stato e di sovrani. Dall’antica Grecia a Galileo i praticanti avevano notato come l’atletismo di questo gioco e lo spirito di competizione ringiovanisse il corpo.

Nel medioevo arrivò il grande boom e diffondendosi rapidamente in Europa affascinò tutti diventando lo sport di nobili e diseredati .

Il gioco crebbe talmente in popolarità che si arrivò addirittura ad accusarlo di compromettere la sicurezza degli stati, perchè distoglieva dalla pratica del tiro con l’arco e da altri esercizi militari. Per questo re come Carlo IV e V proibirono il gioco delle bocce, ed i medici dell’università francese di Montpellier lo screditarono asserendo che la sua pratica aveva effetto deleterio sulla cura dei reumatismi.



Bocce in legno: quebracho e bosso



Collezione bocce legnose

Nel 1576 la Repubblica di Venezia mette al bando lo sport punendo chi lo praticasse con multe ed arresti. Ancora più grave fu la condanna della chiesa Cattolica che ne proibì ufficialmente la pratica proclamandolo gioco d’azzardo.

Contrariamente al resto d’Europa le bocce spopolavano in Gran Bretagna dove la regina Elisabetta I e Francis Drake ne erano grandi appassionati. La leggenda narra che sir Francis Drake si rifiutò di partire alla difesa dell’Inghilterra contro l’armata Spagnola prima di aver finito la partita in corso proclamando: “Prima finiamo la partita, poi ce la vedremo con l’Armata.

Innumerevoli i grandi personaggi storici appassionati di bocce da Calvino a Voltaire, da Augusto a Garibaldi, da Paganini a Moliere, solo per citarne alcuni, e tornando ai giorni nostri come non ricordare Papa Giovanni Paolo II e l’ex Presidente Clinton che hanno dimostrato una grande simpatia per questo gioco.

Nel 1896, in un periodo di rinnovata popolarità, si tenne ad Atene (Grecia) la prima Olimpiade delle bocce. Da allora il gioco delle bocce è entrato a far parte della scena sportiva internazionale, ma rappresenta uno degli sport più recenti delle Special Olympics, essendo stato introdotto per la prima volta nei Giochi mondiali del 1991.

Dai tempi moderni ad oggi la storia delle bocce, che dopo il calcio e il gioco più popolare al mondo, parla sempre più esclusivamente la lingua italiana, continuando a forgiare campioni sulla scia dei più grandi assi del passato, e c’è da esserne fieri.


Boccia in pietra


Boccia in ferro chiodata noire (Francia)

Boccia in ferro coleur (Francia)

 
Italiano Français

Officina Meccanica F.lli Caudera s.r.l.
Via Sansovino 243/61 • Torino - Tel. +39 011 455.73.22, Fax +39 011 739.79.77
Partita IVA, Codice Fiscale e I.R.I. di Torino: 05585920019 - Sede legale: C.so Principe Oddone, 18 - TORINO (TO) Capitale sociale: 11.000,00 Euro

Compatibility Check OK! Compatibile